EVENTO MOLTIPLICATORE: BLUE MATCH 11 MAGGIO 2017— Auditorium I.T.T.L. “Nautico” San Giorgio, Genova

IMG-20170511-WA0001

I nostri alunni Erica Niccolai (4^A), Valeria Croxatto (4^A), Giorgia Gessa (4^F), Ilenia Fierro (4^F), Claudia Benelli (5^F), Martina Arpesella (5^F) e Luca Zignego (5^F), accompagnati dalle docenti prof.ssa Rosalia Anselmi e Daniela Bertocci, hanno partecipato al convegno BLUE MATCH, tenutosi in data 11 maggio 2017, per presentare i progetti ERASMUS + cui hanno preso parte in prima persona “Colours of Europe” e “Education meets migration”, e le attività di alternanza scuola/lavoro proposte dal nostro liceo.

L’evento è stato organizzato dall’Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria, in collaborazione con Regione Liguria, Agenzia Alfa e Consorzio scuole DIRBEC, a conclusione del progetto ERASMUS+ BLUE (Building Logistics edUcation in Europe).

Questi sono i numeri del progetto ERASMUS+ BLUE (Building Logistics edUcation in Europe), in cui Italia, Francia, Finlandia, Portogallo e Germania hanno condiviso i temi della logistica e dell’alternanza scuola lavoro:

 8 Partner di 5 Paesi

 270.000 Euro di finanziamento

 2 anni di attività

 4 incontri transnazionali

 1 settimana di formazione

 3 obiettivi raggiunti:

  • 16 figure professionali della Blue Economy, declinate in competenze condivise tra i quattro paesi partner, nella prospettiva della certificazione europea;
  • 1 modello di governance dell’alternanza scuola lavoro internazionale costruito partendo dall’esperienza delle scuole partner e dai modelli europei di mobilità che valorizzi e validi le competenze acquisite in aziende straniere;
  • 1 piattaforma multilingue che raccoglie i materiali prodotti e offre gli strumenti per il matching tra giovani e aziende.

L’evento ha visto la partecipazione dei partner, delle scuole con esperienze di progetti Erasmus e aziende con esperienze di alternanza scuola lavoro.

Progetto ERASMUS+ B.L.U.E. EVENTO BLUE MATCH 11 maggio 2017

 

Annunci

Soggiorno studio in UK – Coincorde International

Il soggiorno ha avuto luogo a Canterbury nel Kent (UK) dall’11 al 17 febbraio 2017.

Il soggiorno ha previsto la partecipazione ad un corso settimanale di lingua inglese. Dopo il placement test, per verificare i livelli di competenza linguistica, gli studenti sono stati raggruppati in due classi per partecipare a lezioni di tipo induttivo. Le lezioni iniziavano alle 9 e terminavano alle 12.30. Dopo la pausa pranzo riprendevano le attività pomeridiane di varia tipologia (dalla visita ad un museo cittadino, al tour orientativo della cittadina di Canterbury, all’espletamento di attività mirate alla realizzazione del project work che le insegnanti inglesi avevano impostato all’inizio della settimana). Al termine della settimana gli studenti hanno presentato il risultato finale del loro project work. Hanno ricevuto infine una valutazione degli apprendimenti ed il certificato di partecipazione che andrà ad arricchire il loro c.v.

Coincorde InternationaL DEFINITIVO

Progetto Education meets migration, il primo incontro in Slovenia

La cittadina slovena di Rogaska Slatina ha accolto il primo incontro del progetto Erasmus + “Education meets migration”, coordinato dalla professoressa Piera Barcelli. Al primo meeting, che si è svolto dal 23 al 26 novembre 2016, hanno partecipato due alunne della classe 5^F, Claudia Benelli e Federica Lombardo, accompagnate dalle docenti Daniela Bertocci e Marina Ratti.

Il progetto, che coinvolge scuole di diversi paesi (Italia, Slovenia, Danimarca, Norvegia) e l’università di Ankara (Turchia), ha come obiettivo la collaborazione di una rete di scuole di grado differente (dalle elementari alle superiori, fino all’università) sul tema dell’immigrazione che incontra l’educazione.

Le alunne sono state ospitate da famiglie selezionate e hanno condiviso le loro abitudini e il loro stile di vita per quattro giorni, comunicando nella lingua veicolare del progetto, l’inglese.

Ecco le loro testimonianze:

“Quest’anno ho partecipato al progetto Erasmus in Slovenia. Sono stata ospite di una famiglia meravigliosa che mi ha accolto a braccia aperte con la quale sono ancora in contatto. Nonostante la madre non parlasse inglese, sono riuscita comunque a comunicare. Ho condiviso dei bei momenti con ragazzi di nazionalità diverse (norvegesi, turchi, danesi, sloveni).

Abbiamo imparato a conoscere culture diverse e a comprendere punti di vista differenti. In particolare ho apprezzato l’organizzazione della loro scuola, la struttura è innovativa, computer di ultima generazione erano a disposizione di tutti, la merenda alle ore 10 veniva fornita proprio dalla scuola e gli alunni si riunivano intorno al tavolo tutti insieme.

Ho assaggiato il cibo locale e ho scambiato alcune ricette con la famiglia ospitante.Sono contenta di aver partecipato a questo progetto e sono certa che mi rimarrà sempre nel cuore.” (Claudia)

“Quest’anno ho avuto il privilegio di partecipare a un progetto Erasmus che coinvolgeva ragazzi di diversi Stati europei. Ho alloggiato presso una famiglia in Slovenia ed è stata un’esperienza davvero interessante. Ho conosciuto persone disponibili e volenterose di comunicare, nonostante non tutti parlassero bene inglese. È stato bello partecipare alla vita quotidiana di queste persone e apprenderne man mano la cultura.

Lo scopo del progetto era condividere le proprie esperienze e scambiarsi opinioni con gli altri partecipanti che provenivano da Turchia, Danimarca e Norvegia. Abbiamo affrontato un tema importante ovvero quello dell’immigrazione, ascoltando testimonianze dirette.

Particolarmente interessante è stato frequentare la scuola slovena, così diversa dalla nostra. Le lezioni sono impostate in modo diverso, gli studenti condividono momenti comuni come i pasti.

Inoltre, ho potuto assaggiare diversi piatti tipici ed esplorare i dintorni con la famiglia ospitante. È stata un’esperienza meravigliosa e sono felice di aver potuto farne parte.”

(Federica)

slovenia

Scambio con il liceo J. Cocteau (Miramas – Francia)

I nostri alunni hanno partecipato allo scambio con il liceo di Miramas, che ci ha accolti dall’1 all’8 febbraio, e che abbiamo avuto il piacere di ospitare dall’1 al 8 marzo 2017. Il progetto, coordinato dalla prof.ssa Daniela Bertocci, ha coinvolto alunni delle classi quarte e quinte del liceo linguistico e delle Scienze Umane opzione Economico – Sociale. Gli alunni sono stati ospitati dalle famiglie e hanno potuto condividere la loro quotidianità, apprendendo aspetti della civiltà francese e perfezionando la lingua studiata a scuola. Oltre alle attività a scuola, durante le quali gli alunni hanno preso parte, anche in maniera attiva, alle lezioni, hanno potuto visitare il Mucem, il Museo delle civiltà dell’Europa e del Mediterraneo a Marsiglia e la città di Nimes, con le sue arene. Gli alunni francesi sono stati accompagnati in una visita dei luoghi storici della città, alla villa romana alle Grazie, a Portovenere, all’acquario di Genova.

Nelle foto, gli alunni e i colleghi francesi ospiti del nostro liceo, durante la visita alle Grazie e durante una lezione di teatro con gli alunni francesi a Miramas.

In allegato, l’articolo di giornale pubblicato sul quotidiano locale:

17 02 13 cocteau italien, village de marque

Campionati delle lingue, la nostra alunna Laura Pardini si classifica al ventesimo posto

Laura Pardini, alunna della VG del Liceo Linguistico “Mazzini”, si è classificata ventesima per la lingua tedesca nelle semifinali del Campionato Nazionale delle Lingue, che si è svolto a Urbino il 16 e il 17 febbraio scorsi su iniziativa della Facoltà di Lingue Straniere dell’Università “Carlo Bo”. Hanno partecipato 120 studenti di tutta Italia (trenta per ognuna delle lingue previste: inglese, francese, spagnolo, tedesco) che hanno superato le impegnative prove eliminatorie, alle quali ha aderito una base di partenza di ben 14.000 studenti. La manifestazione, giunta alla settima edizione, raccoglie di anno in anno un numero crescente di adesioni e costituisce un significativo banco di prova per le scuole oltre che un’interessante opportunità di incontro e confronto per studenti e docenti nel contesto di Urbino città-campus.

La foto mostra l’intervento del rettore dell’Università di Urbino, prof. Viliberto Stocchi, durante la cerimonia di apertura del Campionato presso il Collegio Raffaello.

htr

Nella foto, Laura Pardini

image